Il 26 gennaio presso la sala Pogliani dell’Ospedale San Gerardo di Monza si terrà un congresso che affronterà diversi temi riguardanti la chirurgia colorettale laparoscopica.

L’incontro è organizzato dal Dott. Dario Maggioni, Direttore di Chirurgia Generale e d’Urgenza presso l’Ospedale di Desio, una delle eccellenze italiane in questo settore.

La collaborazione e amicizia tra David Larson, protagonista internazionale dell’incontro, e il Dott. Maggioni va avanti da molti anni, tant’è che alcuni collaboratori del primario di Desio hanno già effettuato dei periodi di aggiornamento in America e uno di loro è pronto a partire prossimamente.

David Larson, del resto, è uno dei luminari più famosi al mondo in questo campo, ed è professore responsabile della ricerca in chirurgia colorettale, presso la Mayo Clinic dello Stato del Minnesota, in America.

Spiega il Dott. Maggioni: «Il confronto su questo argomento sarà affrontato con Larson e con altri 30 medici esperti italiani. Parleremo sia dell’aspetto oncologico, sia quando è semplicemente una patologia infiammatoria. Perché ci interessa la chirurgia colorettale? In Italia ci sono circa 50.000 nuovi casi ogni anno. Il dato più confortante è che la sopravvivenza a 5 anni è progressivamente aumentata. In primis grazie a nuove terapie oncologiche, poi grazie anche alle campagne di prevenzione.

Nel nostro paese però solo il 28 % della popolazione aderisce allo screening colorettale».

Nuove soluzioni anche per pazienti anziani

«Parlare dei nuovi strumenti chirurgici- continua Maggioni- sarà uno degli scopi del congresso. Abbiamo trovato delle soluzioni con interventi laparoscopici in grado di trattare anche pazienti fragili, come gli anziani. Anche qui i dati italiani, però ci indicano che solo il 30% dei centri esegue questo tipo di interventi con questa tecnica»

Il Dott. Maggioni fa le sue considerazioni anche sulla diverticolite: «La diverticolite ha incidenza molto alta, progressivamente con l’età per arrivare all’80% nei pazienti ottantenni e di questi nel 20% dei casi, prima o poi si arriva ad un evento acuto. Ma ora ci sono nuovi metodi di monitorare il paziente. Fino a poco tempo fa la fase acuta portava necessariamente ad interventi demolitivi. Ora intervenendo si può riportare il paziente ad una fase meno acuta per poterlo poi operare in laparoscopia del colon»

Il protocollo Eras: un lavoro culturale

Sia il Dott. Maggioni che il Dott. Matteo Stocco, responsabile dell’azienda ospedaliera San Gerardo di Monza, ribadiscono alla stampa anche l’importanza del protocollo

Eras. Un metodo che prevede la collaborazione attiva del paziente (e, se possibile, dei suoi familiari) e si basa su alcuni accorgimenti che devono essere presi nella fase precedente ed in quella successiva all’intervento. Il medico operante è senz’altro al centro ma si può migliorare globalmente il trattamento del paziente avvalendosi di più figure che agiscono nel pre e post operatorio. È un lavoro culturale a cui non tutti i centri sono abituati.

La Brianza dimostra, ancora una volta, di eccellere

Ribadisce Stocco: «Prendersi carico del paziente è alla base anche della legge di riforma e del riordino del sistema sanitario regionale. Noi siamo un’azienda socio sanitaria territoriale che declinato poi nei fatti significa che abbiamo a disposizione tutti i servizi che erano anche quelli dell’ex Asl, compresi gli psicologi. La presa in carico del Dott. Maggioni e del suo gruppo è proprio in linea a quelle che sono le aspettative. I pazienti saranno seguiti anche nel percorso di vita successivo all’intervento. Un impegno di cui ci stiamo facendo carico anche grazie all’integrazione di tutti i servizi all’interno dell’azienda. Monza è stata scelta per questa conferenza internazionale anche per la bellissima sala Polginai che vale la pena di sfruttare. Con la sua opera quotidiana il Dott. Maggioni e il suo staff danno lustro e seguono la nostra missione. La Brianza si dimostra un’eccellenza anche in questo campo.»

Grazie a questa unione di illustri medici si terrà, quindi, in data 26 gennaio, presso l’Auditorium Pogliani del San Gerardo di Monza, il congresso internazionale dal titolo “A Day with David Larson”, ma la collaborazione con Larson, assicura Maggioni, non si esaurirà qui.

 

Fonte: MB News